Pelli chimiche per l’iperpigmentazione: I migliori ingredienti, le bucce a casa, gli effetti collaterali

  • I peeling chimici includono AHA come l’acido glicolico, BHA come l’acido salicilico, e TCA.
  • Possono trattare le macchie scure rimuovendo gli strati superiori della pelle, permettendole di rigenerarsi. Questa pelle rigenerata può essere più uniformemente pigmentata.
  • I peeling più leggeri possono essere utilizzati a casa, ma quelli più profondi dovrebbero essere applicati da un dermatologo.
  • Tutti i peeling possono causare effetti collaterali come arrossamento, irritazione e sensibilità al sole, indipendentemente dal tipo o dal tono della pelle.
  • La pelle scura è più soggetta agli effetti collaterali del peeling chimico e dovrebbe evitarlo come trattamento.
  • Se i peeling sono usati sulla pelle scura a prescindere, l’acido salicilico è la scelta migliore perché è antinfiammatorio e può ridurre il rischio di iperpigmentazione post-infiammatoria.

I peeling chimici sono esfolianti profondi che possono rompere gli ammassi di melanina che formano le macchie scure. Ci sono diversi tipi e concentrazioni di peeling chimici. I peeling deboli possono essere usati a casa per trattare le macchie scure a livello superficiale. Per l’iperpigmentazione più grave, i peeling più potenti possono essere applicati da un professionista.

Iperpigmentazione: i peeling chimici possono trattare l’iperpigmentazione?

Come l’acne, le linee sottili, i danni del sole e le cicatrici, i peeling chimici sono efficaci per trattare tutti i tipi di macchie scure. La misura in cui le macchie scure vengono ridotte dipende dalla concentrazione e dal tipo di peeling utilizzato, nonché dalla gravità delle macchie scure.

Come funziona?

L’iperpigmentazione, o “macchie scure”, si riferisce a macchie di pelle che sono più scure del normale tono della pelle. È causata dal raggruppamento della melanina in eccesso, il pigmento che dà alla pelle il suo colore. Le tre cause principali sono l’esposizione al sole, l’infiammazione e i cambiamenti ormonali.

Un peeling chimico funziona rimuovendo gli strati superiori della pelle, permettendo alla nuova pelle sana di formarsi al suo posto. Questo può ridurre la comparsa di macchie scure rimuovendo la melanina indesiderata dalla pelle. Quando la nuova pelle si forma dovrebbe essere più uniformemente pigmentata.

Pelli chimiche vs microdermoabrasione

Le bucce chimiche sono più efficaci della microdermoabrasione per il trattamento delle macchie scure. Sia la microdermoabrasione che i peeling chimici rimuovono gli strati esterni della pelle, permettendo alle cellule della pelle di rigenerarsi. Tuttavia, la microdermoabrasione è un esfoliante fisicamente abrasivo che lavora a livello superficiale, mentre i peeling lavorano più sottilmente e più in profondità nella pelle.

Entrambi i trattamenti possono causare irritazioni alla pelle sensibile, soggetta a cicatrici e infiammazioni. I peeling profondi non dovrebbero essere utilizzati da chi ha la pelle scura, ma la microdermoabrasione può essere sottoposta a qualsiasi tipo di pelle o tono.

I migliori peeling chimici per trattare l’iperpigmentazione del viso

Ci sono tre tipi comuni di peeling chimici:

  • Pelle all’alfa-idrossiacido (AHA) come l’acido glicolico
  • Pelle al beta-idrossiacido (BHA) come l’acido salicilico
  • Pelle all’acido tricloroacetico (TCA)

Quanto profondamente un peeling funziona dipende più dalla concentrazione che dal tipo di acido. Anche i peeling leggeri possono trattare le macchie scure, ma risultati più visibili potrebbero essere visti da peeling più profondi con concentrazioni più alte.

Pelle all’acido glicolico

Un peeling all’acido glicolico è un peeling AHA che può trattare le macchie scure. È più delicato di altri peeling AHA ed è sicuro da usare, rischiando effetti collaterali minimi. È più adatto a trattare l’iperpigmentazione superficiale perché non penetra in profondità nella pelle. I peeling AHA sono anche migliori per chi ha la pelle secca. L’acido glicolico ha mostrato buoni risultati per il trattamento delle macchie scure con effetti collaterali minimi ad una concentrazione più forte del 30-50%.

Pellicola di acido salicilico

Una buccia di acido salicilico è una buccia BHA che può trattare le macchie scure. È delicato e sicuro da usare, rischiando effetti collaterali minimi. Ha anche proprietà antinfiammatorie, il che significa che è adatto alle macchie scure causate dall’infiammazione, come quelle causate dall’acne. I peeling BHA sono anche migliori per chi ha la pelle grassa. L’acido salicilico ha mostrato buoni risultati per il trattamento delle macchie scure ad una concentrazione più forte del 20-30%.

Pelle all’acido tricloroacetico (TCA)

I peeling TCA sono peeling medi e profondi che hanno dimostrato di trattare efficacemente l’iperpigmentazione. L’iperpigmentazione leggera può essere trattata con una concentrazione di TCA del 10-15%. Le macchie scure più profonde potrebbero richiedere un TCA con una concentrazione più forte del 20-25%. Questo tipo di peeling è più adatto ai depositi più profondi di melanina, poiché penetra più in profondità di altri peeling.

Pellicola all’acido lattico

Un peeling all’acido lattico è un peeling AHA più delicato di altri peeling AHA come l’acido glicolico. È stato dimostrato che tratta efficacemente le macchie scure. Non penetra la pelle così profondamente come l’acido glicolico e può essere acquistato in concentrazioni deboli come il 5-10%. Questo lo rende migliore per coloro che hanno la pelle sensibile, che potrebbero essere irritati dall’uso di un peeling all’acido glicolico.

Pelli chimiche per l’iperpigmentazione della pelle nera

Quelli con il tipo di pelle Fitzpatrick 4-6 dovrebbero evitare di usare peeling chimici, perché rischiano un’iperpigmentazione prolungata. La pelle nera è classificata come Fitzpatrick tipo 6 e dovrebbe evitare di usare i peeling se possibile. Se si usano i peeling, un peeling BHA leggero come l’acido salicilico è il migliore per la pelle nera, perché è delicato e antinfiammatorio, il che significa che ridurrà qualsiasi iperpigmentazione post infiammatoria che potrebbe verificarsi.

Pelli chimiche a casa per l’iperpigmentazione

I peeling chimici come AHA, BHA e TCA possono essere acquistati al banco e usati a casa. Tuttavia, si dovrebbero usare solo i peeling deboli a casa, e i peeling più potenti dovrebbero essere applicati da un dermatologo per ridurre il rischio di ustioni chimiche.

I peeling salicilici, glicolici e all’acido lattico a bassa intensità sono peeling superficiali che sono più adatti all’uso a casa. Anche i peeling OTC deboli possono trattare efficacemente le macchie scure, e i peeling a più alta concentrazione sono necessari solo per le macchie scure più profonde.

I peeling chimici naturali o con ricette fai da te come quelli che usano l’aceto dovrebbero essere evitati, in quanto hanno un alto rischio di causare irritazioni e ustioni chimiche.

Come fare un peeling chimico a casa

  1. Patch test sulla tua pelle, applicando una piccola quantità di peeling sul tuo avambraccio per 30 secondi. Controlla l’eventuale reazione negativa della pelle 48 ore dopo. Se c’è poca o nessuna reazione si può procedere.
  2. Non esfoliare la pelle prima di applicare il peeling.
  3. Lavare e pulire delicatamente la pelle, poi asciugarla.
  4. Applicare vaselina intorno alle aree sensibili come la bocca, gli occhi e il naso per proteggerli.
  5. Utilizzare un batuffolo di cotone per applicare uno strato sottile e uniforme di peeling chimico sulla pelle.
  6. Lasciare il peeling sulla pelle per la quantità di tempo indicata sulle sue istruzioni.
  7. Applicare qualsiasi soluzione neutralizzante che viene fornita alle aree di pelle con il peeling.
  8. Risciacquare il peeling e il neutralizzatore dalla pelle, e applicare una crema idratante e una protezione solare di SPF 30 o superiore.

Aftercare

I peeling usati a casa dovrebbero avere una forza debole e comportare pochi tempi morti. Dovresti aspettare almeno due settimane prima di applicare qualsiasi altro peeling chimico alla tua pelle. Dovresti anche assicurarti di applicare regolarmente una protezione solare di SPF 30 o superiore, poiché i peeling chimici aumentano la sensibilità al sole. Nei giorni successivi all’applicazione di un peeling, dovresti evitare qualsiasi prodotto duro o abrasivo nella tua routine di cura della pelle.

Gli effetti collaterali che possono verificarsi dall’uso di tutti i peeling chimici includono:

  • Rossore della pelle
  • Puntura
  • Irritazione
  • Sensibilità al sole

I peeling più profondi hanno maggiori probabilità di causare gravi irritazioni e rischiano ulteriori effetti collaterali, quali:

  • Decolorazione della pelle
  • Iperpigmentazione post-infiammatoria
  • Infezione batterica o fungina
  • Rossore della pelle che dura per settimane o mesi

Le bucce chimiche possono causare iperpigmentazione?

I peeling chimici possono causare iperpigmentazione quando l’infiammazione che provocano innesca la produzione di melanina in eccesso. I peeling deboli hanno meno probabilità di causare ulteriore iperpigmentazione, soprattutto quando la protezione solare viene applicata regolarmente dopo il trattamento per prevenire le macchie scure indotte dal sole. I peeling all’acido salicilico hanno anche meno probabilità di causare ulteriori macchie scure rispetto ad altri tipi di peeling perché sono antinfiammatori.

Takeaway

I peeling chimici funzionano penetrando e rimuovendo gli strati superiori della pelle, consentendole di rigenerarsi. Questa nuova pelle può essere più uniformemente pigmentata, riducendo la comparsa di macchie scure. I peeling più leggeri con una concentrazione più debole possono essere usati a casa per un trattamento più superficiale, ma i peeling più profondi possono essere applicati da un dermatologo per trattare le macchie scure che sono più gravi e profonde.

Tutti i peeling possono causare effetti collaterali come arrossamento, irritazione e sensibilità al sole indipendentemente dal tipo o dal tono della pelle. Tuttavia, la pelle scura è particolarmente incline agli effetti collaterali dell’uso del peeling chimico, quindi quelli con i toni della pelle più scuri dovrebbero evitare i peeling come trattamento. Se i peeling sono usati sulla pelle scura, l’acido salicilico è la scelta migliore perché è antinfiammatorio e può ridurre il rischio di iperpigmentazione post-infiammatoria.

Fonti

  • Ortonne, P. (1990). Gli effetti dell’esposizione ai raggi ultravioletti sulla pigmentazione della melanina della pelle. The journal of international medical research, 18(Suppl. 3), 8C-17C. ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/2227089
  • Davis, E. C., & Callender, V. D. (2010). Iperpigmentazione post-infiammatoria: una revisione dell’epidemiologia, delle caratteristiche cliniche e delle opzioni di trattamento nella pelle di colore. The Journal of clinical and aesthetic dermatology, 3(7), 20-31. ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC2921758/
  • Massinde, A., Ntubika, S., & Magoma, M. (2011). Iperpigmentazione estesa durante la gravidanza: un case report. Journal of medical case reports, 5, 464. doi:10.1186/1752-1947-5-464
  • Sarkar, R., Bansal, S., & Garg, V. K. (2012). Peel chimici per il melasma in pazienti con pelle scura. Journal of cutaneous and aesthetic surgery, 5(4), 247-253. doi:10.4103/0974-2077.104912
  • Lim, T., Tham, N. (1997). I peeling all’acido glicolico nel trattamento del melasma nelle donne asiatiche. Chirurgia dermatologica, 23(3), 177-9. doi:10.1111/j.1524-4725.1997.tb00016.x
  • Soleymani, T., Lanoue, J., & Rahman, Z. (2018). Un approccio pratico ai peeling chimici: A Review of Fundamentals and Step-by-step Algorithmic Protocol for Treatment. The Journal of clinical and aesthetic dermatology, 11(8), 21-28. ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC6122508/
  • Grimes, E. (1999). La sicurezza e l’efficacia dei peeling chimici all’acido salicilico in gruppi razziali-etnici più scuri. Dermatologic surgery, 25(1), 18-22. doi:10.1046/j.1524-4725.1999.08145.x
  • Puri N. (2012). Studio comparativo del 15% di TCA contro il 35% di acido glicolico per il trattamento del melasma. Indian dermatology online journal, 3(2), 109-113. doi:10.4103/2229-5178.96702
  • Sharquie, E., Al-Tikreety, M., Al-Mashhadani, A. (2005). L’acido lattico come nuovo agente di peeling terapeutico nel melasma. Dermatologic surgery, 31(2), 149-54. doi:10.1111/j.1524-4725.2005.31035
  • Feldstein, S., Afshar, M., & Krakowski, A. C. (2015). Ustione chimica da aceto a seguito di un protocollo basato su Internet per l’auto-rimozione dei Nevi. The Journal of clinical and aesthetic dermatology, 8(6), 50. ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC4479370/
” Mostra tutto