Chi ha inventato la limonata?

L’albero era probabilmente indigeno dell’India o della Cina, ma non è ancora stato provato quando il frutto si è fatto strada verso ovest nel Mediterraneo. Gli agrumi possono essere visibili nei mosaici romani, ma questi potrebbero essere cedri.

Pubblicità

La prima coltivazione definitiva dell’albero di limone fu nell’Arabia medievale, e la prima descrizione di una bevanda al limone zuccherata si trova in Egitto al tempo delle Crociate.

A partire dall’Inghilterra dei Tudor, il succo di limone fu usato in cordiali medicinali chiamati ‘Acqua Imperiale’, insieme alla crema di tartare, e avrebbe mantenuto una reputazione curativa per secoli. Samuel Pepys fu uno dei molti londinesi che, negli anni 1660, si godeva la nuova bevanda rinfrescante del succo di limone dolce, mescolato con miele e acqua, importato dalla Francia.

L’aggiunta di bollicine dovette aspettare, tuttavia, fino al 1767, quando il chimico inglese Joseph Priestley inventò l’acqua gassata, una tecnica sfruttata da Johann Jacob Schweppe, la cui società di bevande commerciali iniziò a vendere soda frizzante in Inghilterra nel 1790.

Nel 1833, la birra allo zenzero e la limonata gassata erano ampiamente disponibili nei punti di ristoro della Gran Bretagna.

Ha risposto uno dei nostri esperti di Q&A, Greg Jenner

Pubblicità

Questo articolo è tratto dal numero di novembre 2015 della rivista BBC History Revealed